Milinkovic resta alla Lazio: “il sogno di tutti” e un’evidenza…

Milinkovic Savic è un sogno non per noi, è un sogno di tutti, ma per noi oggi non è fattibile”. Leonardo, qualche giorno fa, ammetteva l’innamoramento calcistico per Sergej. L’ex fantasista non è l’unico a patire la cotta per il colosso serbo. Piace a tutti: lo hanno cercato in Premier, in Liga, in Serie A. Pretendenti che si sono sempre scontrate con i 140-150 milioni richiesti da Lotito. Il presidente ha sempre voluto tenere il serbo, ha sparato alto, convinto che il prossimo anno Milinkovic possa valere ancora di più. SMS è un gioiello di rara caratura, è un giocatore unico nel panorama mondiale. Ed è della Lazio. E questo dovrebbe invitare a una riflessione. La Lazio, oggi, può permettersi di rifiutare offerte pesanti, di mantenere il punto, di cercare addirittura il rilancio, proponendo rinnovo e permanenza a un giocatore di questo calibro. Il Manchester United, l’estate scorsa, si era spinto fino a 110 milioni; la Juve –nei mesi scorsi- aveva proposto 70 milioni più Rugani. La risposta? Sempre la stessa. No, serviva una proposta indecente per avviare una trattativa. La crescita si misura anche da questi dettagli. Che poi dettagli non sono. Più che altro evidenze. La Lazio è una società forte, che ha in rosa giocatori di livello mondiale e uno dei migliori allenatori emergenti su piazza; un club in ascesa, che rispetta il suo bilancio, non lo dopa, non lo altera. Anche perché, Lei, sarebbe subito punita severamente. Milinkovic è un top player, un fenomeno, basta parlare con qualsiasi addetto ai lavori per ottenere una simile risposta. La Lazio ha Sergej. Ma non solo. Immobile, Luis Alberto, Strakosha, Lucas Leiva, Marusic, giocatori per i quali –in questi mesi- sono arrivate offerte complessive da 130 milioni di euro. Tutte rispedite al mittente. La Lazio non ha alcuna necessità di vendere, cede quando sono i giocatori a chiedere di andare via: il caso Felipe Anderson è esplicativo. Milinkovic non ha chiesto la cessione; le paure, di chi lo voleva di ritorno dalle vacanze triste e voglioso di una nuova avventura, non hanno trovato alcuna sponda nel reale atteggiamento del ragazzo. Sempre sorridente, disponibile con i tifosi, con continui rimandi al suo affetto per la Lazio sui social. Nessun malumore. Dunque. Anzi il contrario. Il mercato è stato un segnale evidente. La Lazio ha comprato, ha venduto De Vrij e Anderson (sull’olandese ci sarebbe da aprire un capitolo a parte), ma li ha rimpiazzati e ha allungato la rosa. Un messaggio anche a Milinkovic: qui vogliamo crescere, rimani con noi e fai lo stesso. SMS ha accettato, ora si parlerà di rinnovo, con sostanzioso ritocco dell’ingaggio. Un’operazione possibile perché, ormai, alla Lazio si riconosce serietà e progettualità. Un’evidenza. Non per tutti. Però.

Web Hosting

1 Comment on "Milinkovic resta alla Lazio: “il sogno di tutti” e un’evidenza…"

  1. Ancora un ottimo articolo. Qui da voi si respira aria buona, altrove lo smog annebbia idee e favella ;-). Cavolo, abbiamo mantenuta la rosa intatta (a parte Felipe Anderson che voleva assolutamente andarsene…sarà lui a rimpiangerci e non il contrario) e abbiamo fatto buoni inserimenti, Berisha e Correa su tutti. Ci divertiremo anche quest’anno. Sempre che le ultime ore che mancano alla chiusura del mercato non mi smentiscano dolorosamente…Grazie ragazzi, ripeto, per la boccata d’aria pulita, mi ci voleva.

Leave a comment

Your email address will not be published.


*