Lazio Globe – La mia Lazio: lontana, ma sempre vicina!

Lazio Globe è una sezione dedicata ai racconti di tifosi laziali sparsi per il mondo. Una sezione pensata per dar modo a chi segue la Lazio da ogni angolo del pianeta di leggere e interagire riguardo alla nostra passione. Una serie di racconti, storie, notizie in inglese; ma anche in italiano per dare la possibilità di usufruirne anche al pubblico di casa nostra. Un modo per condividere in maniera globale, appunto, l’amore per la Lazio. 

Era il 1994 e su un canale della televisione olandese vedo Aron Winter con la maglia della Lazio: quella biancoceleste con lo sponsor “Banca Di Roma”. Che maglia. Che colori: come il cielo. E che passione sugli spalti! Chi sono? Non erano così famosi in Olanda. Avevo solo 13 anni e mi sono innamorato subito! Seguire questo nuovo amore da lontano, a quei tempi, non era facile. Non c’era ancora internet. Seguivo sul televideo della Rai durante le partite. “Vinciamo? Chi gioca? Chi segna?”. E dopo vedevo sempre gli highlights su “novantesimo minuto” tramite il canale internazionale della Rai. Conduceva Giampiero Galeazzi e accanto a lui c’era sempre qualche bella signora. Non era una punizione!

Nell’estate del 1995 vedevo la mia Lazio “live” per la prima volta. C’era Ajax-Lazio ad Amsterdam e io andavo nell’arena dell’Ajax con la maglia della Lazio! Come accade a “di padre in figlio”; solo che mio padre era tifoso dell’Ajax… Era un’amichevole contro la grande squadra di Louis van Gaal, che aveva vinto la Champions due mesi prima. La Lazio non aveva nessuna possibilita e infatti veniva sconfitta nettamente: 5-0. Ma non mi interessava. Vedevo giocare Marchegiani, Casiraghi, Negro, Favalli, Di Matteo, Di Vaio e anche un giovane Nesta. Ero soddisfatto, ero felice! Negli anni successivi, poi, ho visto la Lazio vincere la Coppa Italia e la Coppa delle Coppe. E vedevo le grandi partite della Serie A, in diretta, dalla televisione di un amico che aveva già Canal Plus. Lazio- Milan 4-4, Lazio-Roma 3-3. Il marzo 2000, poi, sono riuscito ad andare allo stadio di Rotterdam, a vedere la nostra grande Lazio dello scudetto, contro il Feyenoord, in Champions (0-0). E poi il 14 maggio 200: che emozioni per diventare Campioni d’Italia! Anche se io ero a tanti chilometri da Roma.

Web Hosting

Con l’arrivo di internet tante cose sono cambiate. Il mondo e diventato piccolo, i prezzi per volare in aereo sono diventati bassi. E la mia passione della Lazio è potuta crescere ancora di più. Sono stato in Italia per vedere la Lazio tante volte. A casa nostra e in trasferta. A Benevento, Pescara, a Ferrara contro la Spal o in Europa a Madrid, Leverkusen ed a Londra. Io ci sono stato. E soprattutto: anche il 26-5-2013 ero a Roma. Che partita e che festa al Piazza del Popolo dopo. Adesso ci sono tante “app” per seguire le ultime news. C’e pay tv con cui posso guardare tutte le partite. E ci sono sempre streams dove guardo anche le amichevoli. E nel frattempo ho anche tanti amici in Italia. Non mi manca niente della mia Lazio. Per la finale della Coppa Italia nel 2016, quella persa contro la Juventus, io in Olanda (!) dovevo acquistare i biglietti per alcune mie amiche romane perché al LazioStyle si era rotta la cassa. Il mondo si era rigirato! L’ultima partita contro l’Inter era allo stadio. Al fischio finale ero molto deluso. C’eravamo così vicini! E noi lo meritavamo di più rispetto a loro. Questo è certo. Ma dopo pochi minuti mi sono calmato e il mio animo era gonfio d’orgoglio. Che stadio! Pieno con 70.000 persone! Che scenografia da brividi! Che passione ed amore per la Lazio avevo sentito quella sera. Nonostante il risultato. Non so cosa pensassero gli altri; ma io avevo visto la Lazio dal vivo! Ero felice, ero davvero felice. Come il giorno della mia prima partita ad Amsterdam. Non siamo come la Juve, il Milan o l’Inter, noi non siamo fieri solo quando abbiamo la medaglia appuntata al petto. Siamo la Lazio ed abbiamo l’oro nel cuore! Questa è la mia Lazio. Oggi, la Nostra Lazio mi chiama per una nuova avventura, per una nuova stagione. Un amore senza fine. Io contro il Napoli sarò presente allo stadio. Ci sarai anche tu?

Chi sono?
Eelco Brandes, 37 anni, Olanda, giornalista ad Agemeen Dagblad e Staantribune (giornali in Olanda). Instagram: eelcobrandes, Twitter: @eelcobrandes

Web Hosting

Be the first to comment on "Lazio Globe – La mia Lazio: lontana, ma sempre vicina!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*